Spot Buondì Motta 2017

Buondì Motta – Spot dal grande ritorno o idiozia totale?

La Rete è spaccata sul tema. Botta e risposta tra critici della comunicazione, associazioni di categoria, sociologi e mezzo milione di CT della Nazionale.

Cerchiamo di isolare il segnale dal rumore di fondo: anzitutto, lo spot farà vendere di più e permetterà a questa merendina di vincere sulla concorrenza nel momento dell’aggiunta al carrello al supermercato?

I pubblicitari sanno perfettamente che oggi uno spot non nasce e muore sul televisore in salotto, ma continua la sua vita su blog, social e siti web. Le componenti alla base di questa Ad sono essenzialmente due:

1. Irriverenza e discontinuità con il passato: dopo 30 anni di pubblicità bucolica con la “famiglia del Mulino Bianco” (che è diventata a sua volta una locuzione di sfottò), qualcosa di disruptive, per farsi ricordare.

2. Polemica studiata e ricercata a tavolino per massimizzare il ritorno in termini di PR e buzz marketing, definendo però già i paletti per non andare oltre. Hanno infatti cercato sin da subito la massima polemica facendo morire solo la mamma della bambina. Poi, per par condicio, viene ucciso anche il padre. Ma, strategicamente, il secondo spot è arrivato dopo 48 ore, in modo da pizzicare a tempo determinato gli spiriti femministi. In secondo luogo, prevedendo un po’ di shock nei bambini, e sapendo che ormai mentre il TV è acceso, le mamme navigano su facebook con l’iPad,  hanno tenuto pronti all’uso i video “dietro le quinte”, dove si evince che in realtà non muore nessuno, come nei cartoni animati.

I dati di vendita non li sapremo nell’immediato. Quello che possiamo sapere, tutti e gratuitamente, è quanto “tira” la chiave di ricerca “Buondì Motta” su Google.

Vi allego più sotto il grafico di Google Trends: sono ancora dati parziali, in elaborazione, ma il risultato parla più di tutti i super brand strategist messi insieme.

google trend

 

follow-telegram

Please follow and like us:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *